Ricordi di un anno

Caro 2011,
chiudo la Moleskine nera dell’ultimo anno che, a detta dei Maya, arriverà fino al 31 dicembre. Il 2012 chissà.
Cosa resta dell’anno che se ne va? A me resta l’agendina nera con il suo carico di appuntamenti, pensieri, ricordi.
Quelli dei primi giorni di gennaio, quando iniziava a profilarsi l’idea di una nuova avventura, della mia valigia rossa aperta sul letto pronta ad essere riempita e della valigia che si imbarca con me al seguito verso Torino.

Il 2011 è l’anno della conoscenza di una città nuova, nuove persone.
L’anno delle cene “comandate” dal cameriere despota e di quelle ad orari improbabili (alle 2.00 una carbonara da denuncia, fatta con la panna)
L’anno delle vittorie: Torino, Bologna (ho fatto poco, ma ho votato, vale, no?!) i referendum.
L’anno delle vacanze di relax.

L’anno dei miei 30 anni.
L’anno in cui ho capito che puoi sbagliare fidanzato/a, puoi sbagliare capo, colleghi, puoi sbagliare la lavatrice, libro, film o la spesa. L’importante è non sbagliare amici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...